Menu

TL;DR

approfondimento di /r/ItalyInformatica

Diritto alla riparazione: informazioni e consigli utili

Ci troviamo in un’epoca in cui il concetto di proprietà di un oggetto sta cambiando, in alcuni aspetti in maniera subdola e che non ci aspetteremmo: il “diritto alla riparazione” dei nostri dispositivi.
Siamo oggi circondati da telefoni, tablet, indossabili, portatili che ogni giorno diventano più sofisticati, compatti, costosi e delicati.
Quando acquistiamo uno di questi, la facilità o, al contrario, l’impossibilità di poter intervenire sugli elementi che li compongono per ripararli o migliorarli sono fattori che difficilmente consideriamo, ma a cui da consumatori dovremmo fare più attenzione, per diversi motivi.


Anzitutto è quasi sempre più economico riparare un dispositivo piuttosto che comprarne uno nuovo per rimpiazzare il vecchio: per quanto possa sembrare scontata come cosa, se non possiamo riparare un dispositivo non abbiamo alternative.
C’è anche un discorso ecologico da considerare, e cioe che la produzione di questi dispositivi richiede una gran quantità di energia, oltre a contenere un gran numero di elementi la cui estrazione ha un impatto pesante in termini ecologici e umani.
Qualcuno potrebbe sollevare l’obiezione che esiste il riciclo, ma purtroppo ad ora questo processo ancora non è ottimale per diversi motivi (la plastica per una questione chimica diventa di qualità più bassa, la percentuale degli elementi recuperabili è bassa…), e va anche considerato che molte volte questo non viene fatto correttamente, o non viene fatto proprio.

Quello che sta succedendo sempre più spesso è che i produttori usano una serie di misure atte ad impedire la riparazione a chi non ha l’accesso a software, hardware o conoscenze specifiche e questo per poter stabilire un vero e proprio monopolio sulle riparazioni dei propri dispositivi. Il risultato di un monopolio simile sono diversi svantaggi per i consumatori: anzitutto potrebbero essere svantaggiati a livello logistico, se il produttore ha ad esempio una scarsa presenza sul territorio, o mi propone condizioni di assistenza non ideali (modalità, tempistiche…). Inoltre un monopolio annulla per definizione la concorrenza, lasciando senza lavoro i vari negozi di riparazione, e in conseguenza a questo il produttore avrebbe la completa libertà di decidere il prezzo di una riparazione come più gli piace o conviene (magari rendendola di proposito non conveniente). Un’altra conseguenza sarebbe l’impossibilità di poter riparare un dispositivo nel caso in cui il produttore decida di non ripararlo, per qualsiasi motivo, partendo da danni particolari (es. Acqua), ricambi non più prodotti o banalmente perchè un modello è obsoleto. Tutte riparazioni che un’altra azienda potrebbe accettare di eseguire.

Per evitare tutto questo i riparatori professionisti, o chi voglia farlo autonomamente, hanno bisogno di poter accedere a diverse cose, anzitutto i manuali di servizio dei dispositivi, in modo da poter eseguire le riparazioni come il produttore prevede e senza il rischio di creare danni nel processo. Una cosa simile, ma a volte quasi impossibile da ottenere, sono gli schemi di funzionamento delle componenti, per poter eseguire troubleshooting sulle stesse in modo da poter individuare quelle guaste.
Altra cosa importante è aver la possibilità di acquistare ricambi originali, in modo da poter garantire una riparazione di qualità, e nel caso in cui il produttore smetta di produrli, e quindi termini l’interesse nell’eseguire le riparazioni, la liberalizzazione dei progetti degli stessi, in modo che altri possano produrli.
Insieme a questi chi vuole eseguire le riparazioni dovrebbe poter avere la possibilità di avere accesso (anche ad un prezzo ovviamente, che deve essere equo) a software o hardware specializzati necessari per eseguire le riparazioni che lo richiedano.

Attualmente ci sono alcune associazioni che stanno portando avanti questa causa in modi diversi: ifixit è forse il più famoso, punta a creare con il contributo di tutti un manuale di riparazione per ogni dispositivo elettronico, auto, elettrodomestico e addirittura vestiti ed accessori, insieme a questo vendono ricambi ed attrezzi per effettuare queste riparazioni, oltre a fornire una certificazione per riparatori professionisti, forse meno conosciuto è comunque il sito padre http://ifixit.org/, dove vengono pubblicati articoli di sensibilizzazione riguardo il tema della riparazione.
Anche la EFF (Electronic Frontier Foundation) ha pubblicato una serie articoli a riguardo, e si sta sopratutto battendo per delle leggi a riguardo negli USA. Sempre attiva negli USA c’è repair.org, un’associazione per i riparatori di diversi settori, che si propone come rappresentante unico per i suoi soci, a cui fornisce anche diversi vantaggi

Ma cosa possiamo fare noi come consumatori invece? Diverse cose, anzitutto ricordiamoci che ogni volta votiamo con il portafogli: impariamo a scegliere i produttori che hanno un occhio di riguardo su questi temi e che non impediscano questa pratica. Cerchiamo anche di sensibilizzarci e sensibilizzare chi ci è vicino a considerare la possibilità di riparare un qualsiasi dispositivo invece di acquistarne uno nuovo, e anche nel caso in cui avessimo bisogno di un nuovo dispositivo sta ora fiorendo il mercato dei dispositivi ricondizionati, che fanno bene all’ambiente e al nostro portafogli.

E voi cosa ne pensate? Avete mai riflettuto su questi temi? Avete avuto esperienze a circa il diritto alla riparazione dei vostri dispositivi?

Scritto da /u/tippete

Link ai Commenti

Share on Facebook0Google+0Tweet about this on Twitter