Menu

TL;DR

approfondimento di /r/ItalyInformatica

Progetti FOSS, anche tu puoi contribuire

Parlo di una realtà, che si può toccare con mano, una realtà che tutti usiamo ma che a nessuno (o quasi) interessa. Una realtà che riguarda tutti noi, non solo gli addetti ai lavori. La toccate quando usate sul vostro smartphone, la percepite quando inviate una mail, la notate quando acquistate online. Sono tutti (o quasi) strumenti, metodi e servizi basati su tecnologie FOSS (Free (and) Open Source Software ndr).

Ma adesso non parliamo della filosofia del FOSS ma di quello che davvero possiamo fare, noi come persone, per dare qualcosa in cambio. Non sono qui per tessere le lodi di una distribuzione piuttosto che un’altra, o di un progetto FOSS in favore di un altro, o ancora più in senso lato di un’attività di volontariato in favore di un’altra: porto semplicemente la mia esperienza, che spero vi stimoli alla partecipazione attiva nei progetti più importanti che tutti noi quotidianamente usiamo e non sappiamo perché o chi li mantiene.

Sono sempre stato un appassionato smanettone informatico, mai avrei immaginato di trovarmi all’interno di un progetto FOSS attualmente in attività. Ho iniziato per puro caso, qualche anno fa, dopo l’ennesima distribuzione GNU/Linux provata, decido di addentrarmi in una nuova esperienza con Fedora: tutto, a partire dal sito web, sia ufficiale dove scaricare l’iso, sia locale dove richiedere supporto, trasudava di un invito a partecipare al Progetto Fedora. Non sono né un traduttore per diletto, né uno sviluppatore di professione, né un comunicatore nato, eppure, attualmente sono nel team dei traduttori della distro Fedora: L10n/G11n, nel team dei fedora-websites e nei fedora-ambassadors.

Certo, ci sono persone molto più brave e molto più capaci di me e magari anche di molti altri che come me partecipano ad altri progetti FOSS: la differenza la fa il tempo dedicato a questi progetti.

Ho notato che più tempo riesco a dedicarci e più vengo ripagato, non in termini di denaro ovviamente, ma in termini di benessere interiore, come la cultura, la conoscenza e il sapere di esser anch’io parte di quella realtà che crea la realtà che noi tutti usiamo. Da qualche parte anni fa ho letto un articolo che diceva più o meno così: “Neolaureati, non sprecate il vostro tempo con stage non retribuiti in azienducole locali a fare fotocopie o portare i caffè. Sceglietevi un progetto open e buttatevici dentro a capofitto”: ecco, vi confermo che aveva perfettamente ragione.

Mi piace pensare che questo testo lo stiano leggendo dei neodiplomati, non siate timidi, non temete di non avere abbastanza competenze, scegliete il vostro progetto FOSS e contribuite attivamente, imparerete tanto e non vi basterà mai.

Nel dettaglio, per partecipare al Progetto Fedora, potete iniziare a dare uno sguardo qui e qui. Innanzitutto vi suggerisco di farvi un giro nel forum italiano di fedoraonline.it oppure su IRC #fedora-it su freenode, per iniziare a familiarizzare con altri user e contributori italiani. Successivamente, potete visitare questo simpatico sito che in base a semplici domande vi fa capire l’area di contribuzione più attinente per voi e vi rimanda direttamente alle pagine dei contributori o alla loro wiki per fare richiesta di ingresso.

Il passaggio fondamentale per partecipare a qualsiasi area di contribuzione del Fedora Project è registrare un FAS account, ovviamente dovrete accettare che tutti i contenuti da voi prodotti per il Fedora Project siano rilasciati in Copyleft (documentazione burocratica all’interno): createvi una chiave SSH se non l’avete già, per alcuni gruppi è fondamentale. Una volta scelta la vostra area di contribuzione, facendone richiesta in base alla loro regolamentazione interna, verrete contattati.

Di norma, vi dovrete creare una pagina sulla wiki di Fedora (la mia pagina) e dovreste registrarvi alle loro Mailing List, (esempio per il gruppo websites). Successivamente inviate una mail per presentarvi al gruppo, chiedendone l’accesso come contributore, specificando il vostro nick e le vostre “skills”. Mi raccomando: ricordate sempre di joinare i loro #channel IRC sempre su freenode.

Se proprio non sapete quale gruppo/area di contribuzione scegliere, vi consiglio di iniziate come traduttori, l’inglese ormai è abbastanza comune, non serve essere un livello madrelingua, anzi, se non lo siete vi aiuterà molto per migliorare il vostro inglese e sopratutto è uno dei pochi gruppi dove non si deve essere sponsorizzati da qualcuno all’interno, ma basta fare richiesta e si viene accettati (a meno di particolari trascorsi…).
La traduzione avviene tramite un metodo di stringhe… Magari in un prossimo articolo lo potrò spiegare nel dettaglio.

La questione più interessante di iniziare a contribuire in un progetto FOSS è che sarete in contatto con gente proveniente da tutto il mondo, dovrete confrontarvi con diverse personalità anche di un certo livello tecnico: per dirvi una sera mi son trovato a chattare su IRC con stickster (ex Project Leader del Fedora Project) e robyduck (attuale admin dei websites e membro del Council) ed insieme abbiamo trovato un bug nel makefile dei websites e risolto aggiungendo l’installazione di alcuni pacchetti necessari per la partecipazione al gruppo websites (diciamo che ho semplificato un attimo per evitare troppi tecnicismi nrd).

E’ stata davvero una bell’esperienza!

Scritto da: /u/veon_fpo

Link ai commenti

Diritto alla riparazione: informazioni e consigli utili

Ci troviamo in un’epoca in cui il concetto di proprietà di un oggetto sta cambiando, in alcuni aspetti in maniera subdola e che non ci aspetteremmo: il “diritto alla riparazione” dei nostri dispositivi.
Siamo oggi circondati da telefoni, tablet, indossabili, portatili che ogni giorno diventano più sofisticati, compatti, costosi e delicati.
Quando acquistiamo uno di questi, la facilità o, al contrario, l’impossibilità di poter intervenire sugli elementi che li compongono per ripararli o migliorarli sono fattori che difficilmente consideriamo, ma a cui da consumatori dovremmo fare più attenzione, per diversi motivi.

(altro…)

Anti-DDoS Amazon Web Services Infrastructure

Con oltre un milione di clienti in 190 paesi, Amazon Web service è sicuramente una delle collezioni di servizi di cloud hosting più utilizzate. Nei clienti, troviamo aziende protagoniste nel mondo dell’informatica come Adobe, Vodafone e molte altre. “ Da grandi poteri derivano grandi responsabilità”, stessa frase vale se si offrono servizi che devono stare online 24 h su 24.

(altro…)

Clight, demone utente per linux scritto in C

Ciao a tutti, sono /u/nierro, di professione programmatore, fin da quando ho cominciato a programmare ho avuto la fissa per il C e per le utility linux, questo un po’ perché amo linux, e si sa, linux = C, e un po’ perché trovo il C di un’eleganza assoluta e adoro quanto poco tenda a celare facendoti sentire davvero padrone della macchina.
Ma arriviamo al dunque.

(altro…)

L’ascesa di Mastodon, il social network FOSS e decentralizzato

Per chi ha seguito l’ambiente FOSS nell’ultimo periodo, l’esistenza di Mastodon non è una novità. Scritto da @Gargron e compatibile con GNUSocial, Mastodon ha portato una ventata di modernità nel mondo dei social network decentralizzati, e si sta configurando come una potenziale alternativa a Twitter.

(altro…)

La stampa 3D in ambito consumer, vista da un appassionato

Originariamente, questo articolo doveva essere sul futuro della stampa 3d in ambito customer, e probabilmente lo sarà. Prima, però, ritengo necessario sfatare due miti a riguardo che molto, troppo spesso, vengono tirati in ballo.

(altro…)

TL;DR inizia così

Mi piacerebbe raccontare la storia di come TL;DR è nato: purtroppo non parliamo di una calda sera di mezza estate, non parliamo di un gruppo di amici che hanno avuto l’epifania sorseggiando una birra italiana, no. La storia è tutt’altro che romantica e molto più “virtuale”.

(altro…)